• Ven. Lug 1st, 2022

Ucraina, cosa sta succedendo?

DiSimone Fezzuoglio

Feb 11, 2022

Secondo Washington, nelle ultime settimane la Russia ha ammassato più di 100.000 soldati al confine con l’Ucraina e nella Crimea annessa. Ciò ha alimentato i timori a Kiev e in Occidente che il Cremlino possa iniziare una nuova guerra con la sua vicina ed ex provincia che ha scelto di staccarsi dall’orbita politica di Mosca.

Ma la Russia nega che stia progettando un’invasione. Mosca dice che può spostare le truppe russe dove vuole e che tutti i suoi atti sono difensivi. I funzionari russi, compreso il presidente Vladimir Putin, hanno da parte loro messo in guardia la NATO dall’espansione verso est. Allora, qual è il cuore del conflitto che va avanti da più di sette anni? Quelle che oggi sono l’Ucraina, la Russia e la vicina Bielorussia sono nate sulle rive del fiume Dnepr, quasi 1.200 anni fa nella Rus’ di Kiev, una superpotenza medievale che comprendeva un’enorme fetta dell’Europa orientale.

Ma russi e ucraini si sono separati linguisticamente, storicamente e, soprattutto, politicamente. Putin ha, tuttavia, più volte affermato che russi e ucraini sono “un popolo”, parte della “civiltà russa” che comprende anche la vicina Bielorussia. Gli ucraini respingono le sue affermazioni. L’Ucraina ha attraversato due rivoluzioni nel 2005 e nel 2014, entrambe le volte rifiutando la supremazia russa e cercando un percorso per unirsi all’Unione Europea e alla NATO. Putin è particolarmente infuriato dalla prospettiva di basi NATO vicino ai suoi confini e afferma che l’adesione dell’Ucraina all’alleanza transatlantica guidata dagli Stati Uniti segnerebbe il passaggio di una linea rossa.

Sostenere i ribelli

Dopo la Rivoluzione della dignità in Ucraina del 2014, che ha visto proteste durate mesi alla fine ha rovesciato il presidente ucraino filo-Mosca Viktor Yanukovich, Putin ha usato il vuoto di potere per annettere la Crimea e sostenere i separatisti nelle province sudorientali di Donetsk e Luhansk.

I ribelli si ritagliarono due “Repubbliche Popolari” autoritarie ed economicamente deboli, dove fu ripristinata la pena di morte. La guerra e la gestione della situazione economica e sociale da parte dei separatisti e dalle loro “repubbliche”, hanno raffreddato il sentimento filo-russo in Ucraina. Il conflitto si è trasformato nella guerra più calda d’Europa. Ha ucciso più di 13.000 persone e ha sfollato milioni di persone. Nel 2014, l’esercito ucraino era sotto equipaggiato e demoralizzato, mentre i ribelli avevano “consulenti” e armi russi.

Tuttavia, in questi giorni, gli ucraini sono molto più forti militarmente e il morale è alto. Migliaia di volontari che hanno aiutato a respingere i separatisti sono pronti a farlo di nuovo. L’Ucraina ha acquistato o ricevuto armi avanzate dall’Occidente e dalla Turchia, è infatti ben preparata ad un’eventuale invasione. Il primo impeachment dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato innescato dalla sospensione degli aiuti militari e delle esportazioni di armi a Kiev. Il suo successore Joe Biden potrebbe inviare armi letali e consiglieri nelle prossime settimane. Nel frattempo, l’Ucraina ha potenziato lo sviluppo interno e la produzione di armi, alcune delle quali sono efficaci quanto le armi occidentali.

Una dimensione economica

A parte ragioni ideologiche e politiche, Putin aveva cercato disperatamente l’adesione dell’Ucraina a un blocco di libero scambio dominato da Mosca, lanciato nel 2000. La Comunità economica eurasiatica (EAEC) ha unito diverse repubbliche ex sovietiche ed è stata ampiamente vista come un primo passo per reincarnare l’URSS. Con una popolazione di 43 milioni di abitanti e una potente produzione agricola e industriale, l’Ucraina avrebbe dovuto essere la parte più essenziale dell’EAEC dopo la Russia, ma Kiev ha rifiutato di aderire.

Perché ora?

Gli indici di approvazione di Putin stanno diminuendo mentre i russi resistono alle vaccinazioni e denunciano le difficoltà economiche causate dalla pandemia. Il Cremlino ricorda le sue valutazioni stratosferiche di quasi il 90 per cento dopo l’annessione della Crimea, e una nuova guerra o escalation potrebbe distrarre il pubblico dai problemi interni e aumentare la popolarità di Putin. Il leader russo anche di ristabilire il dialogo con l’Occidente, in particolare gli Stati Uniti, e la via militare ha dato i risultati sperati. In primavera, decine di migliaia di soldati si sono schierati al confine con l’Ucraina e per questo gli americani hanno aperto i canali diplomatici. Nell’incontro Biden ha minacciato Putin con sanzioni economiche più severe e un riposizionamento delle truppe NATO in Europa. Ma Putin vuole ancora vederlo di persona. “Ci incontreremo sicuramente, mi piacerebbe davvero”, ha detto a Biden, secondo un video pubblicato martedì dai media russi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *