• Lun. Dic 5th, 2022

Trattato del Quirinale, intesa Italia-Francia in settori strategici

Dopo una secolare rivalità, Italia e Francia si lasciano alle spalle le controversie del passato con un trattato di cooperazione. L’accordo diplomatico vuole stabilire un nuovo motore di cooperazione tra due colossi dell’Ue in settori che vanno dall’industria alla cultura.  

Nel segno dell’importanza del riavvicinamento, l’Italia compie il passo altamente simbolico di ospitare la cerimonia di venerdì. Ospitando il presidente francese Macron nel sontuoso palazzo presidenziale del Quirinale, sotto lo sguardo vigile dei corazzieri. A testimonianza delle storiche tensioni franco-italiane, la storia del palazzo del Quirinale. L’ex palazzo papale scelto per l’evento fu ridisegnato sotto le istruzioni di Napoleone, che aveva pianificato di trasformarlo nella sua residenza dopo che le forze francesi occuparono Roma, anche se alla fine non vi si trasferì mai. Dopo la presa di Roma fu scelto come sede del nuovo parlamento italiano.

Super-Mario (Draghi) colpisce ancora.

Il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro italiano Mario Draghi ritengono che sia tempo di voltare pagina sul difficile rapporto Parigi-Roma. Divenuto particolarmente tossico tra il 2018 e il 2019 quando una coalizione di governo guidata dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega deteneva il potere. Sebbene ci sia stato un netto miglioramento dei legami da quando Draghi è subentrato a febbraio, i leader vogliono bloccare una struttura, che impedisca ai rapporti di rimanere vittima dei capricci del populista di turno. Dovrà inoltre garantire partenariati permanenti nelle aree principali dal 5G e dall’esplorazione spaziale alla giustizia e alla migrazione.

Nonostante gli obiettivi in ​​competizione negli ultimi anni, su migrazione, Libia e progetti industriali, Parigi e Roma si sono avvicinate negli ultimi mesi mentre si coordinavano sul piano di ripresa economica post-pandemia dell’UE. Poiché entrambe le nazioni sono fortemente indebitate, hanno un interesse comune a spingere l’UE a ridurre le loro spese.

Il nuovo trattato dovrebbe creare “Più fiducia nel lavorare insieme e nell’affrontare le sfide europee”. Ha detto Vincenzo Amendola, sottosegretario italiano agli affari europei, durante una visita a Parigi la scorsa settimana per incontrare il ministro francese per l’Europa Clément Beaune.

“Anche nei momenti di tensione, pensiamo allo stesso modo sulla maggior parte delle questioni europee, siamo quasi totalmente d’accordo su questioni economiche, questioni sanitarie e tutte le iniziative, che abbiamo preso durante la crisi pandemica, le abbiamo avviate insieme”, ha osservato Beaune.

Un copia del Trattato dell’Eliseo

Il cosiddetto Trattato del Quirinale sarà firmato proprio quando l’uscita del Cancelliere tedesco Angela Merkel crea un vuoto nella politica europea e prima che inizi la campagna presidenziale francese nel 2022. In una certa misura, la sua promessa di cooperazione bilaterale ha somiglianze con il Trattato dell’Eliseo tra Francia e la Germania. Siglato per ricucire il loro rapporto infranto dopo la seconda guerra mondiale e rinnovata nel 2019 ad Aquisgrana da Macron e Merkel.

Ma i francesi tengono a sottolineare che il patto italiano non dovrebbe essere visto come Parigi che si allontana dalle relazioni franco-tedesche. Con l’Italia c’è una somiglianza di approccio ma non una volontà più strategica da parte della Francia di rivedere le sue alleanze. Il funzionario francese ha aggiunto che sarebbe “difficile” classificare i due trattati, ma ha riconosciuto che il trattato franco-tedesco era più ambizioso in termini di sicurezza e difesa.

Allora cosa c’è nel trattato?

Nelle ultime bozze del nuovo patto, Francia e Italia si sono impegnate a coordinarsi in tantissimi campi. Secondo gli esperti, le zone per le partnership includono sicurezza, difesa, affari europei, migrazione, industria, settori strategici (inclusi 5G, AI e cloud), giustizia, capitale di rischio in start-up e imprese innovative, macroeconomia, cultura e gioventù.

Il trattato potrebbe includere un impegno comune per sviluppare i razzi spaziali Ariane 6 e Vega-C, ha osservato un’altra persona informata sui colloqui.

I ministeri collegati a questi settori avranno il compito di coordinarsi con i loro omologhi, mentre i ministeri delle finanze e dello sviluppo economico di entrambi i paesi si impegneranno a lavorare più strettamente nei “forum” sull’industria e l’economia. Inoltre l’intero governo deve riunirsi per un vertice intergovernativo una volta all’anno.

Secondo il trattato, Roma e Parigi si cordineranno prima dei vertici dei leader del Consiglio europeo o di altri incontri dell’UE per concordare una posizione comune, un processo che già avviene tra Francia e Germania. La bozza di trattato include un impegno a rafforzare la strategia di difesa dell’UE, un progetto preferito di Macron come complemento alle capacità della NATO. Ulteriori clausole impongono un comitato di cooperazione transfrontaliera e un consiglio giovanile franco-italiano, secondo l’Eliseo.

Inolte con il trattato di Roma, la Francia si è assicurata il sostegno di un forte stato europeo in previsione della presidenza francese dell’Unione,

Alti e bassi

Macron ha proposto per la prima volta il trattato nel 2017 con colloqui con l’allora primo ministro Paolo Gentiloni. Ma in seguito alla creazione di un governo di coalizione populista guidata da Giuseppe Conte, i rapporti sono entrati in un periodo di “profonda crisi”. Questo secondo Jean-Pierre Darnis, esperto di lingua franco-italiana e professore associato presso l’Université Côte d’Azur e l’Università Luiss di Roma.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini si è scontrato apertamente con Macron su migranti e Libia. Quando il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha incontrato i manifestanti francesi dei Giubbotti Gialli, Parigi ha richiamato il suo ambasciatore a Roma. Relazioni hanno raggiunto il loro punto più basso dalla seconda guerra mondiale. 

Sotto il secondo governo Conte nel 2020, questa volta di coalizione di centrosinistra, si è riaccesa la discussione sul trattato. Ma è stato l’arrivo di Draghi a Palazzo Chigi a dare un’accelerazione, ha detto Darnis. “E’ un segno che ci si può fidare dell’Italia. Draghi è una garanzia di capacità politica, tecnica ed economica”.

Pochi mesi dopo che Draghi ha preso il potere, i francesi hanno offerto un ramoscello d’ulivo, estradando 10 terroristi condannati dai cosiddetti anni di piombo, e hanno aperto la strada alla cooperazione. 

Un nuovo inizio.

“Questo trattato è stato sostanzialmente negoziato quest’anno”, ha affermato il funzionario dell’Eliseo, pur rilevando che i colloqui sono iniziati nel 2018 ma c’è stato “un certo rallentamento a causa della crisi tra i due paesi”.

“Ma crediamo che questa crisi sia davvero alle nostre spalle e che abbiamo ristabilito un rapporto franco-italiano di eccezionale qualità”, ha aggiunto.

È probabile che la cooperazione industriale sia una cartina di tornasole per capire se il nuovo patto è più che simbolico. La presenza del ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire a Roma con Macron sembra puntare in quella direzione.

La politica industriale europea è stata tradizionalmente dominata dal binomio franco-tedesco, che spesso ha fissato l’agenda industriale dell’UE elaborando piani di investimento congiunti o spingendo insieme per le riforme. Mentre il rapporto industriale franco-italiano è stato spesso teso.

La fallita acquisizione dei Chantiers de l’Atlantique francesi da parte dell’italiana Fincantieri nel gennaio di quest’anno e le tensioni che circondano una possibile vendita di alcuni dei giganti della difesa italiana Leonardo al consorzio franco-tedesco KNDS mostrano che la rivalità industriale franco-italiana è ancora viva.

La fusione tra le case automobilistiche Fiat Chrysler e il Gruppo Peugeot ha avuto più successo, nonostante alcune preoccupazioni italiane sulla partecipazione del governo francese.

Economie unite.

I legami economici tra i due paesi sono molto forti, soprattutto in termini di scambi, ma quando si tratta di investimenti, inclinano a favore della Francia.

La Francia è stata il primo investitore straniero in Italia nel 2019, mentre gli investitori italiani si sono classificati all’ottavo posto in Francia, secondo il ministero dell’Economia francese. Lo scorso anno una commissione parlamentare per la sicurezza nazionale italiana aveva addirittura messo in guardia contro “una crescente e pianificata presenza di operatori economici e finanziari di origine francese nella nostra economia” che potrebbe sfociare in decisioni industriali contrarie agli interessi nazionali.

Sandro Gozi, ex sottosegretario agli Affari europei, che ha lavorato al trattato durante il governo Gentiloni, e poi consigliere di Macron, ha affermato che il rapporto più strutturato potrebbe aiutare a evitare malintesi tra i due Paesi che “presumono di conoscersi bene”, ma hanno “un sacco di preconcetti l’uno sull’altro”. 

Le divisioni che sono state spesso affrontate troppo tardi hanno dimostrato la necessità del trattato, ha affermato. “La Libia è stata una lezione. A causa della competizione e del disaccordo europei, tutti hanno perso, russi e turchi sono entrati”, ha aggiunto.

Inoltre questo trattato porta l’Italia a far parte del programma di sviluppo per l’European MBT, il carro armato unico per tutti gli eserciti dell’Unione. Con grandi benefici per le industrie militari del Bel paese.

Rilassamento.

In Italia, l’opposizione è limitata, con Draghi sostenuto da una grande coalizione. 

Giorgia Meloni, la leader dell’opposizione di estrema destra Fratelli d’Italia, ha criticato il governo per non aver coinvolto il parlamento nei negoziati e ha accusato la sinistra italiana di essere “la portavoce degli interessi francesi in Italia”.

Ma la Lega, che fa parte della coalizione di governo e ha il portafoglio dell’industria, è più positiva. “La Lega è sempre dalla parte dell’interesse nazionale”, ha osservato l’on. Formentini. “È nell’interesse nazionale parlare tra di noi, soprattutto quando si tratta della stabilizzazione del Mediterraneo e della migrazione.”

Anche la destra francese è stata cauta. Marine Le Pen, leader del raduno nazionale di estrema destra, ha indicato, nelle sue teorie fantapolitiche, che il trattato prova che i governi nazionali, non l’UE, sono i principali attori sulla scena internazionale. “In realtà mi sembra un altro segno del grande ritorno delle nazioni e dei rapporti bilaterali tra paesi sovrani”. Da un’intervista Corriere della Sera.

Un trattato ambizioso ma non troppo.

Il Trattato di Roma potrebbe non essere così profondo come quello franco-tedesco. Quest’ultimo prevede che i ministri dei due paesi si presentino ai rispettivi gabinetti almeno una volta al trimestre, ma è un passo in quella direzione.  

“Non è mai stato concepito per essere una replica esatta poiché Francia e Germania hanno 60 anni di esperienza nella cooperazione e per l’Italia è la prima volta. Ma il trattato potrebbe evolversi in qualcosa di più vicino al trattato Francia-Germania in futuro”, ha detto Gozi.

Due delle principali potenze europee si uniscono in un trattato di cooperazione in settori strategici come quello della difesa. Alcuni vedevano la Brexit come la fine dell’Unione, ma l’Europa e gli europei non vogliono rinunciare all’organizzazione che ha portato una pace stabile nel continente. Tutto sembra portare verso una maggiore integrazione europea, forse una federazione non è poi così lontana…

Fonti: Politico Copyright immagine: Aereonautica Militare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pg slot pg slot