• Sab. Ott 1st, 2022

Lezioni di trading: la domanda e l’offerta

DiPaolo Castellani

Gen 9, 2022

Lezioni di trading: la domanda e l’offerta. Ho il piacere di dare il via ad una rubrica che chiameremoLezioni di trading e che tratterà per l’appunto i fondamenti tecnico-pratici di quest’ultima attività economica.

Oggi ci approcciamo alle basi fondamentali del trading, o meglio, del commercio in generale, approfondendo e spiegando i concetti di domanda e offerta.

L’economia, che ormai parla per lo più inglese, utilizza i termini di mercato bid e ask per rappresentare rispettivamente il prezzo della domanda e quello dell’offerta di un qualsiasi titolo. L’offerta, in particolare, rappresenta il prezzo più alto che qualcuno è disposto a pagare per acquistare un’azione. La domanda è il prezzo più basso a cui qualcuno è disposto a vendere un’azione. La differenza tra bid e ask è chiamata spread. Il prezzo di quotazione di un’azione, quello che più semplicemente vediamo cercando su google o su qualsiasi altra piattaforma, è il prezzo di vendita più recente.

Come si acquistano le azioni

Per operare in borsa, un investitore effettua un ordine tramite il proprio broker (lett. intermediario). A questo punto il suddetto broker presenta un’offerta a una borsa valori. Ciascuna offerta di acquisto include il numero di azioni richieste e la proposta di un prezzo d’acquisto. Il prezzo di acquisto più alto proposto è l’offerta trasmessa al mercato e costituisce la domanda.

Il prezzo di vendita più basso proposto è chiamato ask e costituisce l’offerta del mercato per un determinato titolo. Un ordine di acquisto o vendita viene eseguito se una domanda esistente corrisponde a un’offerta esistente.

Per chiarire, riassumendo, se Giulio vuole comprare un’azione della Microsoft deve innanzitutto contattare un broker, ad esempio Banca Mediolanum, a quel punto il broker proporrà al mercato un certo prezzo di acquisto che è quello suggeritogli da Giulio, e qualora vi sia qualcun’altro disposto a vendere le proprie azioni a quello stesso prezzo, l’ordine può completarsi e le azioni passare di mano.

Può accadere che non ci sia equilibrio fra bid e ask e l’ordine non si completi

Se nessuna offerta è uguale alla domanda non ci saranno scambi tra broker. Per mantenere i mercati funzionanti in modo efficace, aziende chiamate market maker quotano in tempo reale un prezzo medio bid ed ask. Per questa ragione nei moderni broker online, eToro, per citarne uno fra gli altri, non si è mai effettivamente in grado di proporre un prezzo di acquisto, piuttosto si accetta la risoluzione di prezzo proposta dal market maker, a sua volta sicuro di poter piazzare azioni a quella cifra.

A tutto tondo, per chi ancora non ha capito.

Si consideri l’ipotetica società ABC, che ha una migliore offerta attuale di 100 azioni a $ 9,95 e una migliore domanda attuale di 200 azioni a $ 10,05. Uno scambio non si verifica a meno che un acquirente non soddisfi la domanda o un venditore soddisfi l’offerta. E qui entra in gioco il talento dei trader, un professionista bancario a questo punto ha la possibilità di saltare gli intermediari, alzare la cornetta, chiamare il tizio dell’offerta e mercanteggiare fino ad arrivare ad una risoluzione condivisa. Soddisfacendo, perciò, in ultima istanza, sia l’offerente che il venditore.

Continuando sempre con l’esempio. Si supponga allora che un investitore effettui un ordine di mercato per l’acquisto di 100 azioni della società ABC. Il prezzo dell’offerta diventerebbe $ 10,05 e le azioni verrebbero scambiate a quella cifra fino all’evasione dell’ordine. Una volta che le 100 azioni siano passate di mano, si tornerà all’ordine di offerta successivo più alto, che nell’esempio di prima è $ 9,95. Ovvero, quando un’ordine è completato, e si è trovato accordo fra bid e ask, le rispettive quotazioni, scendono o salgono alle bid e ask (senza accordo) precedenti.

Spero di essere risultato chiaro ed esaustivo, e spero che questa prima introduzione al trading vi abbia suscitato interesse. Continueremo, via via, alzando il livello delle lezioni, fino a parlare di argomenti finanziari ben più complessi. Leggeteci!

“Lezioni di trading: la domanda e l’offerta”

Paolo Castellani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *