• Lun. Dic 5th, 2022

Le migliori azioni nel mondo dell’idrogeno

DiAlessandro Pacifici

Dic 29, 2021
Le migliori azioni nel mondo dell'idrogeno

Le migliori azioni nel mondo dell’idrogeno. In questo articolo vi presenteremo delle aziende che stanno effettuando una transazione dal vecchio mondo inquinante a un nuovo mondo green e sostenibile. Immagina di volare in aereo, prendere un autobus o ricevere elettricità da un ente che emette solo vapore acqueo e aria calda nell’atmosfera. Sembra quasi fantascienza. Invece è una tecnologia che abbiamo scoperto già qualche secolo fa ma che non abbiamo mai sfruttato a pieno: le celle a combustibile a idrogeno.

Il processo di produzione di idrogeno non è sempre sostenibile. Attualmente la principale produzione di questa materia avviene durante il processo di combustione dai gas naturali o dal carbone. In questo caso l’idrogeno prodotto prende il nome di idrogeno grigio, in quanto la sua produzione implica la produzione di CO2. Alcune aziende hanno iniziato a produrre idrogeno verde utilizzando uno strumento chiamato elettrolizzatore che divide l’idrogeno e l’ossigeno presenti nella molecola dell’acqua. Per questo processo che richiede elettricità sfruttano altre energie rinnovabili rendendo il prodotto finale sostenibile e a zero impatto ambientale.

Questo nuovo settore dell’energia rinnovabile si sta espandendo e diventerà uno dei settori più importanti all’interno del mondo delle energie rinnovabili. Ecco alcune delle migliori azioni nel mondo dell’idrogeno:

  • Bloom Energy Corp. (BE)
  • Plug Power Inc. (PLUG)
  • Next Hydrogen Solutions (NXHSF)
  • Fusion Fuel Green (HTOO)
  • ITM Power (ITMPF)
  • Nel (NLLSF)

Bloom Energy Corp. (BE)

Questa azienda di idrogeno verde, con sede in California, produce generatori di energia a celle a combustibile che possono funzionare con idrogeno, biogas e gas naturale e possono essere adottati per i servizi pubblici e per l’industria dei trasporti. Nel 2021 ha creato un elettrolizzatore che si basa su questa tecnologia per la generazione di energia pulita. La società afferma che la sua tecnologia di elettrolisi può utilizzare il calore in eccesso delle industrie pesanti, come la produzione di acciaio e cemento, per produrre idrogeno con meno elettricità. Quell’idrogeno può essere utilizzato per alimentare i forni ad alta temperatura utilizzati nei processi di produzione. Quando l’elettrolizzatore è abbinato a risorse rinnovabili intermittenti, come l’eolico e il solare, l’idrogeno verde risultante da questo processo fornisce un importante meccanismo di stoccaggio di energia. L’idrogeno può essere immagazzinato per lunghi periodi di tempo e trasportato su lunghe distanze, a differenza dell’energia elettrica che viene prodotta da altri fonti rinnovabili. Poi le celle a combustibile di Bloom Energy possono convertire questo idrogeno in elettricità, fornendo così energia continua e affidabile.

Plug Power Inc. (PLUG)

Ecco un’altra azienda che produce sia celle a combustibile a idrogeno che elettrolizzatori. Con sede a New York Plug Power ha notato che l’idrogeno prodotto dall’elettrolizzatore può essere utilizzato per immagazzinare l’energia elettrica in eccesso, per la fabbricazione di semiconduttori, per l’idrogenazione degli alimenti e per le stazioni di rifornimento per auto, treni e altri veicoli. I veicoli a idrogeno hanno il potenziale per ridurre e addirittura eliminare le emissioni del settore dei trasporti. I grandi investimenti nell’idrogeno verde che si stanno verificando a livello globale in questo momento facilitano l’ingresso di questa società in un mercato in forte crescita. I clienti dell’elettrolizzatore dell’azienda includono NASA e Boeing Co. L’ampiezza davvero vasta delle opportunità nella transizione dall’idrogeno grigio a quello verde rende questo settore un ottimo investimento per il futuro. Diversi miliardi di dollari ogni anno verranno presto spesi a livello globale per la produzione di elettrolizzatori e generatori a idrogeno. Ma la domanda di massa di autobus, camion e centrali elettriche non si materializzerà fino alla fine del decennio.

Next Hydrogen Solutions Inc. (NXHSF)

Questa azienda che progetta e produce elettrolizzatori a idrogeno, sta potenziando la sua tecnologia per il settore dei trasporti e per quello industriale. “Next Hydrogen è destinato a contribuire in modo significativo alla riduzione delle emissioni di carbonio nei mercati dei trasporti e industriali statunitensi nei prossimi anni”. Questa è l’affermazione del CEO Raveel Afzaal in un comunicato stampa. L’idrogeno sarà un fattore chiave negli sforzi globali per ridurre le emissioni di gas serra specialmente per ridurre l’impronta di carbonio del settore dei trasporti e dell’industriale.

Fusion Fuel Green PLC (HTOO)

Investire in società europee mette gli investitori in prima linea nello sviluppo dell’idrogeno verde. L’Europa è il fulcro principale dell’innovazione tecnologica dell’idrogeno. L’Unione europea ha la politica climatica più forte tra i principali emettitori di CO2, e questo include una tabella di marcia che mira a produrre 6 GW (gigawatt) di elettrolizzatori entro il 2024, in rotta verso i 40 GW entro il 2030. Fusion Fuel Green, con sede in Irlanda, afferma che i suoi elettrolizzatori a energia solare saranno in grado di produrre idrogeno verde a costi competitivi con l’idrogeno grigio entro il 2023. Questa società vende la sua tecnologia ai clienti che desiderano produrre il proprio idrogeno verde. Sviluppa anche le proprie fattorie di idrogeno verde e vende il carburante attraverso accordi di acquisto a lungo termine. A ottobre la società ha annunciato un accordo con Exolum, uno dei principali fornitori europei di logistica e stoccaggio di carburante, per fornire una stazione di rifornimento di idrogeno verde in Spagna che servirà camion e autobus.

ITM Power PLC (ITMPF)

Un’altra società europea, ITM Power con sede nel Regno Unito, fondata nel 2001, afferma di essere la prima società collegata all’idrogeno ad essersi quotata alla Borsa di Londra. Ha aperto quello che si dice sia il più grande impianto di produzione di elettrolizzatori al mondo nel 2021, consentendogli di ridurre il costo delle apparecchiature per la produzione di idrogeno del 40% in tre anni grazie alla maggiore automazione e ai risparmi ottenuti dall’aumento della produzione. Si prevede che una seconda fabbrica più grande sarà operativa entro la fine del 2023. Negli ultimi anni, l’interesse per l’idrogeno verde è aumentato rapidamente in tutto il mondo. Per aiutare a soddisfare la domanda e accelerare il progresso globale verso il net-zero, abbiamo aumentato la velocità di produzione. A dicembre, la società ha dichiarato di avere un portafoglio ordini record di 499 megawatt a partire dal 1 dicembre, con un aumento del 61% da settembre.

Nel ASA (NLLSF)

Con radici nella produzione di idrogeno per fertilizzanti nel 1927, questa azienda con sede in Norvegia fornisce soluzioni per la produzione e lo stoccaggio di idrogeno e stazioni di rifornimento di idrogeno. Questo mese Nel ha annunciato un ordine del valore di oltre $ 6 milioni per moduli per stazioni di rifornimento di idrogeno da un fornitore di carburante con sede negli Stati Uniti. Sono in grado di integrare l’idrogeno nelle reti di stazioni di servizio esistenti o di creare reti di rifornimento di idrogeno completamente nuove, con produzione di idrogeno in loco e/o centralizzata. Sempre a dicembre, Nel ha annunciato un ordine da 3 milioni di euro per un sistema di elettrolisi da un nuovo cliente europeo. Nel terzo trimestre, la società ha dichiarato di avere una pipeline record di potenziali ordini di oltre 6 miliardi di dollari.

Fonte: usnews

“Le migliori azioni nel mondo dell’idrogeno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pg slot pg slot