• Sab. Ott 1st, 2022

Cenere di carta al posto del cemento? Il futuro dell’edilizia.

Nella nostra società moderna lo smaltimento dei rifiuti è una pesante responsabilità. Produciamo enormi quantità di scarti, e la loro gestione è sempre problematica, dalla raccolta al trattamento. Cenere di carta al posto del cemento l’ultima frontiera alla protezione dell’ambiente.

La ricerca europea si sta perciò concentrando su come trasformare questi rifiuti in un bene produttivo, e l’ultima scoperta arriva dalla Spagna. Qui, con i finanziamenti dall’Unione, la società spagnola Acciona, che si occupa di opere di ingegneria civile, sta usando la cenere di carta per costruire un’autostrada vicino Valencia.

Utilizzando la carta e cellulosa non riciclabile si crea un’alternativa ecosostenibile al cemento utilizzato nell’edilizia civile. Le proprietà di questo nuovo eco-materiale sono strepitose, equiparabili da un punto di vista tecnico a quelle del migliore dei cementi. Il responsabile della ricerca e sviluppo dell’azienda, Juan José Cepria Pamplona afferma che il potenziale impatto dell’utilizzo di questo materiale è enorme. L’azienda stima di poter ridurre le emissioni durante la costruzione dal 65 al 75 per cento.

Il progetto trasforma la cenere di carta non riciclabile in una risorsa, dal potenziale rivoluzionario. Cenere di carta al posto del cemento, e tante altre iniziative: infatti il progetto dell’Acciona fa parte dell’iniziativa europea paperChain, che mira a riutilizzare i rifiuti prodotti dall’industria europea della carta.

Oggi l’Europa sta affrontando la sfida della scarsità delle risorse e di un uso più efficiente. Se gestiti in modo sostenibile, i rifiuti possono diventare una preziosa materia prima per altre industrie ad alta intensità di risorse come l’edilizia (ovvero 5,4 miliardi di tonnellate di consumo di materie prime) o l’industria chimica (1 miliardo di tonnellate).

Il progetto paperChain fa a sua volta parte di un’iniziativa europea più ampia a favore di un approccio più circolare dell’utilizzo delle risorse naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *