• Lun. Dic 5th, 2022

Aumento del prezzo dell’energia: perché e come difendersi

Il vertiginoso aumento del prezzo dell’energia è ormai argomento di cronaca, non vi è una singola testata nazionale che non ne abbia già parlato. Ma da cosa è dovuto? Come possiamo difenderci?

E’ chiaro a tutti che i prezzi dell’energia sono destinati a salire a livelli record. Ma per molti milioni di persone, questa è molto più di una notizia. È la realtà devastante di dover scegliere tra riscaldarsi o mangiare, o peggio .

Cosa sta succedendo?

L’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente comunica gli aumenti per il primo trimestre 2022: elettricità +55%, gas +41,8%. Corrispondono a una crescita della spesa annua di quasi 1000€.

L’aumento dei prezzi colpirà tutti, senza distinzioni. Ciò spingerà oltre 6 milioni di famiglie verso la povertà energetica. Ovviamente saranno le categorie più deboli a risentirne maggiormente, già provate dalla pandemia. Inoltre l’aumento del prezzo dell’energia causerà un incremento generale del costo della vita, ripercuotendosi su tutti i settori.

Cosa sta causando l’aumento del prezzo dell’energia?

La crisi è causata dall’aumento del prezzo globale del gas, ma colpisce particolarmente l’Italia, grande importatore di questa risorsa. Ciò significa che siamo vulnerabili agli improvvisi picchi di prezzo che spesso colpiscono il mercato globale dei combustibili fossili. Gli shock dei prezzi del gas possono facilmente portare l’economia di fronti a grandi difficoltà. Senza alternative disponibili, il gas rimane una delle principale fonti energetiche del paese. La costruzione di nuovi impianti per sopperire alla mancanza richiederebbe mesi se non anni.

Il maggior importatore di gas naturale in Italia è, sfortunatamente, la Russia. L’economia italiana ha un deficit commerciale cronico con la Russia, per la maggior parte dovuto all’acquisto di gas naturale. Nel 2019, prima della pandemia, le importazioni russe in Italia valevano 14,3 miliardi di euro, quasi il doppio del valore delle esportazioni italiane in Russia che ammontavano a 7,9 miliardi di euro, secondo i dati del governo.

Come evitare una futura crisi energetica?

Alcuni politici hanno sfruttato la crisi per proporre il taglio delle tasse che vanno a scoraggiare l’utilizzo dei combustibili fossili. Ma questo non farebbe che approfondire la nostra dipendenza da queste risorse. Fonti di energia che distruggono il pianeta, preparandoci per un’altra crisi dei prezzi in pochi anni e rendendo ancora più difficile la battaglia per fermare il cambiamento climatico .

Ci sono altre soluzioni a lungo termine. Queste ci proteggeranno dalle crisi future, manterranno le nostre bollette più basse, le nostre case più calde e aiuteranno ad affrontare il cambiamento climatico.

  • Investire in energie rinnovabili. Le energie rinnovabili forniranno fonti di energia alternative senza costi eccessivi
  • Isolamento, una casa ben isolata corrisponde a un forte risparmio in riscaldamento, e con i fondi messi a disposizione dalle istituzioni, il costo è ora irrisorio.
  • Passare al riscaldamento elettrico nelle le nostre case, in modo da poter utilizzare l’energia rinnovabile anziché il gas.

Porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili significa porre fine a inverni di terribili privazioni e scelte impossibili. È ora di fermare il ciclo distruttivo causato dalla nostra eccessiva dipendenza dall’industria dell’inquinamento da carbonio. Questo è il momento per un urgente programma nazionale di isolamento domestico, diversificando il nostro sistema energetico e investendo nelle energie rinnovabili.

Perché sono aumentati i prezzi dell'energia?

La crisi è causata dall’aumento del prezzo globale del gas, ma colpisce particolarmente l’Italia, grande importatore di questa risorsa. Ciò significa che siamo vulnerabili agli improvvisi picchi di prezzo che spesso colpiscono il mercato globale dei combustibili fossili.

Come evitare una futura crisi energetica?

  • Investire in energie rinnovabili. Le energie rinnovabili forniranno fonti di energia alternative senza costi eccessivi
  • Isolamento, una casa ben isolata corrisponde a un forte risparmio in riscaldamento, e con i fondi messi a disposizione dalle istituzioni, il costo è ora irrisorio.
  • Passare al riscaldamento elettrico nelle le nostre case, in modo da poter utilizzare l’energia rinnovabile anziché il gas.

Cosa sta succedendo?

L’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente comunica gli aumenti per il primo trimestre 2022: elettricità +55%, gas +41,8%. Corrispondono a una crescita della spesa annua di quasi 1000€.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pg slot pg slot